visualizzare il contenuto principale

Prevenire il suicidio

Tendenze suicide si riscontrano in diversi gruppi di persone. Le persone più a rischio sono i malati psichici, particolarmente quelli che soffrono di depressione, e i tossicodipendenti. Il rischio di suicidio aumenta inoltre tra le persone anziane, gli uomini, le persone rimaste involontariamente sole come i divorziati e i vedovi, i disoccupati, le persone che soffrono di una malattia incurabile o che stanno attraversando un periodo di crisi. Anche alcuni giovani, oggigiorno, fanno parte dei cosiddetto gruppi a rischio.

 

I motivi individuali che portano al suicidio sono generalmente molti complessi. Spesso una soluzione facile per contrastare il fenomeno del suicidio non è possibile, è necessario mettere quindi in campo una moltitudine di misure, servizi e offerte. Dai servizi sanitari al lavoro giovanile, dalla scuola ai servizi sociali, sono tante e diverse le aree e le professioni che possono e devono impegnarsi su questo tema. Anche il volontariato e i gruppi di auto-aiuto offrono, in questo senso, un sostegno molto importante alle persone colpite.

Per affrontare al meglio questo fenomeno e per riunire nel migliore dei modi possibili le competenze esistenti, nel 2017 è stata fondata a livello provinciale la Rete di prevenzione del suicidio. Obiettivo della rete è quello di migliorare la prevenzione al suicidio, cercando di dare aiuti mirati alle persone propense a mettere in atto tentativi di suicidio e ai loro familiari. La rete consiste in più di 20 partner pubblici e del terzo settore, ed è coordinata dalla Caritas in stretta collaborazione con Forum Prevenzione, Telefono Amico e con rappresentanti dei servizi psichiatrici e psicologici, dell’Alleanza Europea contro la Depressione, dell’Università Libera di Bolzano, del Supporto umano nell’emergenza, della Psicologia dell’emergenza, della Garante per l’infanzia e l’adolescenza, dell’Ufficio per la Tutela dei minori e l'inclusione sociale, dell’Ufficio Servizio giovani e della Direzione Istruzione e Formazione tedesca e italiana della Provincia Autonoma di Bolzano.

Le attività svolte dalla rete sono:
• La raccolta di interventi, offerte e servizi già esistenti per la prevenzione al suicidio.
• Un sondaggio sulla prevenzione del suicidio in Alto Adige tra esperti e altre persone interessate.
• L’elaborazione di un dépliant e di linee guida per il “pronto soccorso per l’anima”
• L’organizzazione di un convegno pubblico il 10.5.2018 a Bolzano, il 10.9.2019 a Bressanone e il 10.9.2020 di nuovo a Bolzano.

Tutte le informazioni e tutti i materiali sulle attività della rete sono disponibili su questo sito web: www.prevenzione-suicidio.it

Per ulteriori domande sulla rete siamo a vostra disposizione, scrivete a prevenzionesuicidio(at)caritas.bz.it.

Se avete bisogno di aiuto, potete rivolgervi a Telefono Amico (ascolto rispettoso e anonimo) al numero 02 2327 2327 (tutti i giorni 10:00 - 24:00), WhatsApp 345 0361628 (tutti i giorni 18:00 - 21:00) o attraverso la compilazione di un form anonimo sul sito www.telefonoamico.it.

Young+Direct - Servizio confidenziale di consulenza per giovani:  tel. 0471 155 155 1 o Whatsapp 345 081 70 56 (Lunedì - Venerdi 14:30 - 19:30 Uhr), email:  online(at)young-direct.it; https://www.young-direct.it/it/young-direct/consulenza/

 

 

Temi collegati


Condividi con i tuoi amici