visualizzare il contenuto principale

“Perché scrivere, aiuta!” Il Sostegno al telefono della Caritas lancia un nuovo servizio di consulenza online

Solitudine, problemi relazionali, pensieri suicidi, disagi psichici: in situazioni di vita dove si è sottoposti a forte stress emotivo, uno scambio e il confronto con persone disponibili ad ascoltarci può portare molto beneficio. Non tutte le persone però possono o vogliono parlare apertamente dei propri problemi, per alcuni è, infatti, più facile dare voce alla propria anima scrivendo. Per queste ragioni il servizio della Caritas del Sostegno al telefono ha deciso di offrire un nuovo servizio di consulenza online anonimo e riservato. Registrarsi è facile. È sufficiente effettuare il login all'indirizzo web telefonseelsorge-online.bz.it con un nome utente anonimo (nickname) e inserire una password personale. La consulenza online è raggiungibile 24 ore su 24, come il numero verde del Sostegno al telefono 840 000 481.

Il nuovo servizio online parte oggi, mercoledì 28 novembre, a 16 anni esatti dalla nascita del servizio di Sostegno al telefono della Caritas, ideato allora per offrire alle persone in situazioni di crisi un punto di contatto telefonico. "In questi anni molto è cambiato. Internet e i nuovi media non solo hanno moltiplicato le nostre forme di comunicazione, ma le hanno anche radicalmente cambiate. A tutto ciò vogliamo rispondere offrendo anche noi un nuovo tipo di consulenza”, ha spiegato questa mattina durante la conferenza stampa il direttore della Caritas Paolo Valente. "Vogliamo creare un punto di contatto per coloro che, in un momento particolare di crisi della loro vita, trovano più facile chiedere aiuto scrivendo piuttosto che parlando”.

Silvia Moser, responsabile Caritas del Sostegno al telefono, conosce bene quanto lo scrivere possa essere di aiuto. La biblioterapeuta si riferisce al potere ordinatore e strutturante della scrittura: “Chi tiene un diario ordina i propri pensieri quasi automaticamente. Sentimenti, domande e problemi diventano spesso molto più chiari quando si inizia a scriverli. Uno scambio riservato dei propri pensieri con consulenti appositamente formati può portare inoltre un ulteriore sollievo in una situazione difficile o di crisi", spiega Silvia Moser. Le esperienze dei servizi di consulenza online attivi in Italia e nei Paesi limitrofi hanno evidenziato poi che la consulenza online è ampiamente utilizzata dai giovani e che temi che possono indurre di più all’imbarazzo o all’ansia sono molto più facilmente trattabili in forma scritta che non a telefono.

Ne è convinto anche Guido Osthoff, responsabile area della Caritas e coordinatore della neonata "Rete di prevenzione dei suicidi". La rete è stata creata da diverse associazioni e organizzazioni, tra cui la Caritas, con l'obiettivo di ridurre nel lungo termine il tasso relativamente alto di suicidi della nostra provincia. "La consulenza online può essere particolarmente utile anche per le donne e gli uomini che pensano di porre fine alla loro vita o che hanno perso qualcuno a causa di un suicidio", sottolinea Guido Osthoff, che invita chi dovesse avere bisogno a contattare i consulenti online: "L’aiuto c’è. Il primo passo però, il primo clic, dipende da ognuno di noi".

La consulenza online è raggiungibile 24 ore su 24, come il numero verde del Sostegno al telefono 840 000 481. All'indirizzo web telefonseelsorge-online.bz.it le persone in cerca di consulenza possono registrarsi in forma anonima e gratuita tramite computer, tablet o smartphone, inserendo un nome utente (nickname) e una password personale che rimangono validi per tutti i futuri contatti. Una prima risposta del consulente è garantita entro 48 ore. Se dovessero seguire altri messaggi, verrà garantito che le successive risposte saranno sempre fornite dal consulente che ha preso in carico la prima richiesta di aiuto.

Silvia Moser e il suo team di 15 volontari sono consapevoli della grande responsabilità che la nuova offerta comporta. "Ciò che è scritto è scritto. Risposte scritte richiedono quindi grande sensibilità ed empatia” sottolinea la responsabile del Sostegno telefonico della Caritas. I futuri consulenti si sono quindi preparati nel miglior modo possibile alla nuova sfida, seguendo un apposito programma di formazione. "Una formazione di base nella consulenza telefonica e almeno due anni di esperienza sono stati i requisiti necessari per diventare un futuro consulente online", afferma Silvia Moser. La consulenza online non ha lo scopo di sostituire altri servizi di consulenza presenti sul territorio. "Ci consideriamo soprattutto un primo punto di contatto per le persone che stanno vivendo un periodo particolarmente delicato della loro vita e che sentono la necessità di potersi confrontare con qualcuno scegliendo come mezzo la scrittura. Se necessario, siamo lieti di fornire a chi ci chiede aiuto informazioni anche su altri servizi di consulenza più specifici", conclude Silvia Moser.

Greti Demetz, vicepresidente centrale della Vinzenzgemeinschaft, considera il nuovo servizio di consulenza online molto importante in un’ottica di risposta ai bisogni che sorgono tra la popolazione: "Le persone in difficoltà o in crisi spesso non sanno a chi rivolgersi, con chi parlare, a chi affidarsi. Per queste persone è stata pensata la consulenza online. In forma anonima e senza dover provare imbarazzo o paura, le persone possono scrivere ciò che le appesantisce o turba e prendere contatto con consulenti pronti ad ascoltare. Tutto ciò può aiutare a dare fiducia e ritrovare speranza", dice Demetz. La Vinzenzgemeinschaft ha sostenuto il servizio di Sostegno al telefono fin dalla sua nascita e ha ulteriormente ampliato il supporto per la nuova consulenza online. Anche la Provincia autonoma di Bolzano, da 16 anni, contribuisce finanziariamente al mantenimento del servizio.

La consulenza online del servizio di Sostegno al telefono della Caritas è offerta in lingua tedesca perché un servizio simile, in lingua italiana, è fornito da alcuni anni da "Telefono Amico Italia". Il servizio di Sostegno al telefono continuerà ad essere raggiungibile 24 ore su 24 al numero verde 840 000 481. Solo quest'anno è stata utilizzato circa 10.500 volte.

Greti Demetz - Südtiroler Vinzenzgemeinschaft, Guido Osthoff - responsabile d'area Caritas, Renata Plattner - Comunicazione Caritas, Paolo Valente - direttore Caritas, Silvia Moser - responsabile del sostegno al telefono
Anita Kröss (v.l.) - coordinatrice della consulenza online, Silvia Moser - responsabile del sostegno al telefono

Temi collegati


Condividi con i tuoi amici