Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
Case per profughi
 

Case per profughi

In fuga per sopravvivere
Crisi umanitarie dovute a conflitti, persecuzioni e discriminazioni per ragioni di fede religiosa, opinione politica o appartenenza a gruppi sociali o etnici minoritari: queste le motivazioni principali che spingono molte persone, nel mondo, a lasciare la loro terra. I profughi sono persone che, come molti dei nostri nonni – se pensiamo alla storia europea nella prima metà del ‘900 – sono state costrette ad abbandonare i loro Paesi. Non lo fanno per libera scelta ma per sottrarsi a violenze e povertà estrema. Alcuni di loro, nella loro fuga, si fermano in Italia e chiedono asilo. Durante l’attesa alla loro domanda la Caritas li accoglie temporaneamente in strutture apposite.

Una casa per essere accolti
Bolzano, Merano, Prissiano, Vandoies, Prati, Prissiano, Malles, Castelrotto, Bressanone e Brunico: nelle case gestite dalla Caritas i profughi non trovano soltanto un posto dove alloggiare. La Caritas offre loro corsi di lingua, consulenza legale, li sostiene e accompagna durante la procedura di domanda di asilo e in particolar modo nell'organizzazione della vita quotidiana. Ciascun richiedente asilo ha la giornata scandita da diverse attività: tutti sono tenuti ad aiutare nei lavori di casa, svolgere lavori di pulizia oppure lavare vestiti o biancheria sporca secondo un piano di lavoro prestabilito. Si organizzano inoltre gite, occasioni di incontro con la popolazione locale, eventi sportivi per conoscersi meglio a vicenda e contemporaneamente migliorare la conoscenza della lingua italiana e tedesca. E’ un lavoro che richiede molto impegno, energie e tempo, ma favorisce l’integrazione a lungo termine dei rifugiati e, quindi, l’intera società. Tutte le misure volte a favorire l’integrazione sono organizzate in stretta collaborazione con volontari, associazioni e gruppi delle Caritas parrocchiali, per creare in questo modo una rete ampia di accoglienza e aiuto.

 

Contatti

 
Le case in Alto Adige
 
 



 

Diocesi Bolzano-Bressanone
 
A A A

Contatto
Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone
Via Cassa di Risparmio, 1
I-39100 Bolzano - Alto Adige - Italia
Tel. 0471 304 300
Fax 0471 973 428
www.caritas.bz.it

 
Fondo sociale europeo Facebook Twitter Google Plus