Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Le serate di cucina interculturale

 
Cous cous marocchino con verdure e manzo, pane tunisino, risotto al radicchio trevigiano, ravioli al formaggio alla croata-atesina, pesce persico all’aglio, galletto al forno del Perù, torta allo jogurt marocchina e strudel di mele altoatesino: un menù dagli aromi di diversi paesi e culture, cucinato da donne che in Alto Adige sono vicine di casa. Caritas organizza da diversi anni serate di cucina interculturale per donne di diversi paesi e culture.

Le serate di cucina interculturale sono riservate a donne. In cucina e dopo in sala da pranzo nascono e crescono fiducia e simpatie. Si scambiano ricette e consigli in tedesco, italiano, arabo, serbo o spagnolo. Nelle padelle sfrigolano e si addensano salse, ripieni, verdure, carne e pesce. Nell’aria si respirano aromi ben noti di sughi di pomodori e di carne al forno insieme con aromi meno conosciuti di spezie orientali. Dal forno esce una fragranza di torta e di miele. Donne tagliano verdure, impastano, girano pesci in padella, mescolano salse. A lavoro finito mangiano tutte insieme. Le cuoche siedono intorno alla tavola apparecchiata, ridono, chiacchierano, brindano.

“Queste serate rappresentano piccoli e importanti passi verso l’integrazione; soprattutto le donne che hanno bambini e che non lavorano, hanno difficoltà a trovare momenti di contatto” racconta Daniela Paganini, collaboratrice di Caritas, la quale coordina le serate. Cucinare insieme aiuta a superare l’iniziale timidezza. “Le donne stesse sono sorprese di quanto abbiano in comune nonostante le differenze culturali quando parlano di bambini, della casa, della famiglia”, aggiunge Paganini.



Servizio di RaiTre sulle serate interculturali della Caritas a Merano. Autrice: Fernanda Scarmagnan


Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone organizza le serate interculturali con l’aiuto di volontarie. In primavera hanno ottenuto un importante riconoscimento grazie a un’iniziativa del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Grazie alle nuove risorse finanziarie messe a disposizione, Caritas ha potuto organizzare le serate anche in altre località. Caritas è alla ricerca di donne in tutto l’Alto Adige che abbiano voglia di impegnarsi in questa iniziativa organizzando serate interculturali nel proprio paese o nella propria parrocchia. Caritas offre supporto finanziario e organizzativo per la buona riuscita delle serate.

A Bolzano, Merano e Lana
sono già programmate diverse serate interculturali nei prossimi sei mesi. Nella parrocchia di San Paolo a Bolzano/Aslago nella prossima primavera sono programmate tre serate di cucina interculturale il 26 gennaio, 23 marzo e il 18 maggio. Nella parrocchia di Sinigo a Merano le serate si terranno il  2 febbraio, 30 marzo e 25 maggio e presso la sede dell’ELKI a Lana si terranno il 2 marzo, 4 maggio e 8 giugno. Sono invitate tutte le donne interessate, italiane e straniere. Per partecipare basta segnalare anticipatamente la propria presenza.

Presso il servizio Volontariato e Caritas Parrocchiali a Bolzano in via Cassa di Risparmio 1, tel. 0471.304330, freiwilligenarbeit@caritas.bz.it o sul sito www.caritas.bz.it potrete trovare altre informazioni sulle date e sui luoghi delle serate e sul supporto che Caritas può offrire per organizzare le serate.

 
 Indietro alla pagina d'insieme 
 
 



 

Diocesi Bolzano-Bressanone
 
A A A

Contatto
Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone
Via Cassa di Risparmio, 1
I-39100 Bolzano - Alto Adige - Italia
Tel. 0471 304 300
Fax 0471 973 428
www.caritas.bz.it

 
Fondo sociale europeo Facebook Twitter Google Plus