Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

La fame non fa ferie 2016

 
Ogni dodici secondi un bambino muore a causa delle conseguenze della fame. In Africa orientale la situazione è particolarmente drammatica: non ha piovuto per 18 mesi, non ci sono stati raccolti e il bestiame, 500.000 bovini solamente in Etiopia, è morto di sete. Uomini, donne e bambini non hanno alcuna possibilità di sopravvivenza senza un aiuto proveniente dall’esterno. A fronte di questo scenario, la Caritas altoatesina lancia la nona campagna di sensibilizzazione e di raccolta donazioni “La fame non fa ferie”, focalizzando l’attenzione in particolar modo sulle zone colpite in Africa dalla siccità, dove Caritas ha già distribuito i primi aiuti per far fronte all’emergenza. Soprattutto i neonati hanno bisogno del nostro aiuto. Senza alimenti integrativi per tutta la vita saranno segnati dalle conseguenze della denutrizione. Le famiglie hanno inoltre bisogno di semenze per il prossimo raccolto e di bestiame per poter ricominciare.

Oltre agli interventi di emergenza nelle zone colpite dalla siccità, Caritas sostiene altri 25 progetti di aiuto in undici Paesi, per migliorare la vita della popolazione. "Con micro crediti sosteniamo piccole aziende agricole e artigianali, cooperative gestite da donne e programmi di formazione. Ai bambini garantiamo l’accesso alla scuola, alla formazione professionale e all’assistenza sanitaria di base. Pozzi, bacini idrici e impianti per il trattamento delle acque garantiranno anche in futuro acqua potabile, per l’igiene personale e per l’irrigazione dei campi in quantità sufficiente per migliaia di persone”, spiega Fabio Molon, responsabile dell’Ufficio esteri della Caritas. Per i diversi progetti d’aiuto la Caritas ha messo a disposizione negli ultimi 12 mesi 1,2 milioni di euro.

Il tuo aiuto fa la differenza!
Anche quest’anno Caritas confida nella solidarietà e nel sostegno della popolazione altoatesina. Ogni donazione, anche la più piccola, permette di fare grandi cose in Africa. Con 35 euro un contadino avrà le sementi per il prossimo raccolto, con 45 euro, invece, una famiglia riceverà mais per sei mesi e con 7 euro al mese un bambino che frequenta la scuola potrà mangiare un pasto caldo al giorno. Questi sono solo alcuni esempi a dimostrazione che anche con piccole cifre è possibile fare tanto ed evitare che molte persone patiscano la fame, assicurando loro una base per un futuro e un’esistenza più dignitosa.
   

Informazioni per le donazioni
Chi vuole sostenere l’aiuto della Caritas a uomini, donne e bambini, può fare una donazione indicando la causale “Fame in Africa”. Per tutta la durata dell’azione “La fame non fa ferie” fino al 12 agosto la Caritas ha aperto una linea telefonica diretta per le donazioni con il numero 0471 304 304. Informazioni dettagliate sono disponili anche sul sito www.caritas.bz.it oppure possono essere richieste direttamente nella sede della Caritas in via Cassa di Risparmio 1.

VUOI AIUTARE? FAI UN'OFFERTA CONTRO LA FAME!

Importante: La Caritas impiega l’importo delle donazioni al 100 per cento nei progetti stabiliti. Le spese amministrative e di gestione delle donazioni, come anche le spese per la pubblicità della campagna sono coperte da sponsor privati. E’ possibile inoltre prendere visione dei rendiconti dei singoli progetti presso l’Ufficio esteri della Caritas in via Cassa di Risparmio 1 a Bolzano. I progetti stessi sono anche descritti e messi a disposizione dei donatori nella rivista “Aiutare” e sul sito web della Caritas (www.caritas.bz.it). La campagna La fame non fa ferie” è finanziata dalla Conferenza Episcopale Italiana e da sponsor privati.

Specificando la causale “Fame in Africa”, la popolazione altoatesina può aiutare la Caritas a sostenere gli interventi per combattere la fame nel continente africano. Di seguito i conti correnti della Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone:

Raiffeisen Cassa centrale, IBAN: IT42 F0349311600000300200018;
Cassa di Risparmio di Bolzano, IBAN: IT17 X0604511601000000110801;
Banca popolare dell’Alto Adige, IBAN: IT12 R0585611601050571000032;
Intesa Sanpaolo, IBAN: IT18B0306911619000006000065.




 
 Indietro alla pagina d'insieme 
 
 



 

Diocesi Bolzano-Bressanone
 
A A A

Contatto
Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone
Via Cassa di Risparmio, 1
I-39100 Bolzano - Alto Adige - Italia
Tel. 0471 304 300
Fax 0471 973 428
www.caritas.bz.it

 
Fondo sociale europeo Facebook Twitter Google Plus