Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Umanità che ha bisogno: malato e bisognoso d'aiuto

 
L‘esempio di Thomas¹
Thomas aveva una vita normale, almeno fino ad un anno fa. Dopo il fallimento della sua attività, Thomas aveva iniziato a lavorare come artigiano.
Contratti a tempo determinato con i quali riusciva comunque a coprire le spese e affittare una casa per la sua famiglia.
Dopo un paio di anni felici, purtroppo la relazione con sua moglie si è interrotta. Ma il grande shock doveva ancora venire: una malattia grave l‘ha obbligato a lavorare sempre meno fino a cessare di lavorare.
Thomas diventa invalido al 100% e trascorre mesi e mesi in ospedale. Perde l’appartamento, quasi finisce sulla strada.
Per percepire una pensione è ancora troppo giovane e fino all‘ottenimento di altre misure (idennità di invalidità, assistenza economica) rischia di passare troppo tempo.
Nella sua disperazione Thomas si è rivolto alla Caritas, che lo aiuta e gli dà sostegno fino al percepimento dei primi aiuti. Inoltre gli dà consulenza e speranza nella sua situazione difficile.


¹ Per proteggere la privacy delle persone descritte, il nome e la fotografia utilizzate sono fittizi.

La povertà rende malati, la malattia rende poveri
Numerosi studi dimostrano che malattie e povertà sono fenomeni connessi. Persone con uno stato sociale svantaggiato e con problemi economici spesso sono anche malate. Cercano di evitare di andare dal medico, anche se avrebbero urgentemente bisogno di cure mediche. Molti non possono permettersi di pagare i farmaci e le terapie. Contemporaneamente, sempre più spesso, la malattia è causa di indebitamento di molte persone.

Ci riguarda tutti:
sono persone come Thomas quelle che si rivolgono alla Caritas. Si trovano in difficoltà e spesso non sanno come uscirne. I collaboratori della Caritas cercano di infondere loro coraggio. Offrono sostegno e li accompagnano nel loro difficile cammino.

Il tuo contributo è importante: dacci una mano ad aiutare chi si rivolge a noi. La tua donazione ridarà speranza a persone come Thomas.

Può aiutarci così: indicando „malattia e povertà” come causale del versamento, la tua donazione verrà impiegata per aiutare persone in situazione di bisogno.
  • Cassa di Risparmio di Bolzano IBAN: IT17 X 06045 11601 000000110801
  • Cassa Rurale Raiffeisen IBAN: IT42 F 03493 11600 000300200018
  • Banca Popolare IBAN: IT12 R 05856 11601 050571000032
  • Intesa Sanpaolo: IBAN: IT18B0306911619000006000065
Per ulteriori informazioni potete rivolgervi alle collaboratrici della Caritas, Ivonne Geier e Heidi Kritzinger:
I-39100 Bolzano, via Cassa di Risparmio 1, Tel. 0471 304 300, E-mail: info@caritas.bz.it

Vorrei sostenere questo progetto

per sostenere persone in stato di bisogno in Alto Adige e nel mondo. L'aiuto di Caritas al 100%.

 Donare ora 
 Tutti i progetti da sostenere 
 
 



 

Diocesi Bolzano-Bressanone
 
A A A

Contatto
Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone
Via Cassa di Risparmio, 1
I-39100 Bolzano - Alto Adige - Italia
Tel. 0471 304 300
Fax 0471 973 428
www.caritas.bz.it

 
Fondo sociale europeo Facebook Twitter Google Plus