Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Umanità che ha bisogno: l'importante è guardare avanti

 
L‘esempio di Anna¹
Dopo una relazione molto travagliata Anna decide di separarsi dal marito e dalla figlia maggiorenne. In un primo momento vive da sola in un appartamento in affitto, che riesce a pagare regolarmente, grazie al suo lavoro a tempo pieno. L’ ex marito si rivolge ad Anna dopo aver subito un incidente stradale e dopo essersi sottoposto ad un‘operazione molto complicata presso una clinica privata. Anna apre un finanziamento per sostenerlo economicamente, sperando che lui la aiuti nel pagamento delle rate. Invano. Anna deve cedere alla finanziaria un quinto dello stipendio, che unito all‘affitto, rende la situazione della donna molto difficile.
A ciò si aggiunge una malattia, che costringe Anna a ridurre il numero delle ore lavorative, con una conseguente e netta riduzione dello stipendio.
Anna ha attualmente difficoltà a pagare regolarmente l’affitto e non si può permettere l’acquisto di alimentari che sarebbero utili per migliorare la sua condizione di salute.
Anna si è rivolta alla Caritas, con la speranza che qualcuno la ascolti e la aiuti a trovare una soluzione per il suo debito e per l’affitto.

¹ Per proteggere la privacy delle persone descritte, il nome e la fotografia utilizzate sono fittizi.

Vivere sull’orlo della povertà

La crisi economica europea ha colpito anche in Alto Adige. Un altoatesino su cinque vive alle soglie della povertà. Le cause di ciò sono molteplici, spesso sono eventi inaspettati come una malattia o la perdita del posto di lavoro. Molto spesso la povertà colpisce anche chi lavora. Le entrate sono semplicemente troppo basse per poter vivere in modo dignitoso. Intere famiglie sono colpite da situazioni di bisogno, anche se cercano di nascondere le loro difficoltà. Solitudine, disperazione e stress psicologico sono le conseguenze.

Ci riguarda tutti: sono persone come Anna quelle che si rivolgono alla Caritas. Si trovano in difficoltà e spesso non sanno come uscirne. I collaboratori della Caritas cercano di infondere loro coraggio. Offrono sostegno e li accompagnano nel loro difficile cammino.

Il tuo contributo è importante: dacci una mano ad aiutare chi si rivolge a noi. La tua donazione ridarà speranza a persone come Anna.

Puoi aiutarci così: indicando „Assicurare la sopravvivenza” come causale del suo versamento, la tua donazione verrà impiegata per aiutare persone in situazione di bisogno.
  • Cassa di Risparmio di Bolzano, IBAN: IT17 X 06045 11601 000000110801
  • Cassa Rurale Raiffeisen, IBAN: IT42 F 03493 11600 000300200018
  • Banca Popolare, IBAN: IT12 R 05856 11601 050571000032
  • Intesa Sanpaolo: IBAN: IT18B0306911619000006000065
Per ulteriori informazioni, potete rivolgervi alle collaboratrici della Caritas, Ivonne Geier e Heidi Kritzinger:
I-39100 Bolzano, via Cassa di Risparmio 1, Tel. 0471 304 300, E-mail: info@caritas.bz.it

Vorrei sostenere questo progetto

per sostenere persone in stato di bisogno in Alto Adige e nel mondo. L'aiuto di Caritas al 100%.

 Donare ora 
 Tutti i progetti da sostenere 
 
 



 

Diocesi Bolzano-Bressanone
 
A A A

Contatto
Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone
Via Cassa di Risparmio, 1
I-39100 Bolzano - Alto Adige - Italia
Tel. 0471 304 300
Fax 0471 973 428
www.caritas.bz.it

 
Fondo sociale europeo Facebook Twitter Google Plus