Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Umanità che ha bisogno: famiglie povere

 
L‘esempio di Martino¹
La vita di Martino cambia nel momento in cui muore di una grave malattia la sua amata moglie.  Da solo e con tre bambini piccoli a carico, non sa più come fare e a chi rivolgersi.  Martino e sua moglie gestivano un piccolo negozio di generi alimentari, che però è stato chiuso a causa della crisi economica e a causa della tragica morte della moglie. Prima ancora di aprire il negozio, Martino e sua moglie avevano comprato casa, casa che tutt’oggi a Martino fa ricordare i bellissimi momenti trascorsi insieme.
Ora sono le notti insonni che lo fanno disperare, anche se per il bene dei figli Martino cerca sempre di creare un’atmosfera rilassante e divertente a casa, evitando cosí di farli soffrire troppo. Al momento Martino vive dalla pensione di reversibilitá e degli assegni familiari.
Anche se la banca ha concesso una proroga del prestito per un anno, ci sono da pagare le spese condominiali e altre spese, che Martino al momento non riesce a sostenere.
Qualsiasi aiuto economico aiuterà Martino a dormire meglio di notte, finchè non avrà trovato un nuovo lavoro e potrà così cavarsela da solo.

¹ Per proteggere la privacy delle persone descritte, il nome e la fotografia utilizzate sono fittizi.

La povertà dei genitori colpisce anche i bambini

In Alto Adige il 14,9 percento delle famiglie sono colpite dalla povertà. Queste famiglie devono far fronte alle esigenze quotidiane con meno del 60% del bilancio medio di una famiglia altoatesina. In molti casi sono coinvolti in queste situazioni di povertà anche i bambini. I piccoli che crescono in una famiglia povera hanno meno opportunità per sviluppare le loro doti e capacità. Spesso sono insicuri e demotivati. I bambini che nella loro infanzia hanno sperimentato la povertà, spesso rimangono poveri anche da adulti.

Ci riguarda tutti: sono persone come Martino quelle che si rivolgono alla Caritas. Si trovano in difficoltà e spesso non sanno come uscirne. I collaboratori della Caritas cercano di infondere loro il coraggio necessario per farcela. Offrono sostegno e le accompagnano nel loro difficile cammino.

Il tuo contributo è importante: dacci una mano ad aiutare chi si rivolge a noi. La tua donazione ridarà speranza a persone come Martino.

Puoi aiutarci così: indicando „famiglie povere” come causale del versamento, la tua donazione verrà impiegata per aiutare persone in situazione di bisogno.
  • Cassa di Risparmio di Bolzano, IBAN: IT17 X 06045 11601 000000110801
  • Cassa Rurale Raiffeisen, IBAN: IT42 F 03493 11600 000300200018
  • Banca Popolare, IBAN: IT12 R 05856 11601 050571000032
  • Intesa Sanpaolo: IBAN: IT18B0306911619000006000065
Per ulteriori informazioni potete rivolgervi alle collaboratrici della Caritas, Ivonne Geier e Heidi Kritzinger:
I-39100 Bolzano, via Cassa di Risparmio 1, Tel. 0471 304 300, E-mail: info@caritas.bz.it

Vorrei sostenere questo progetto

per sostenere persone in stato di bisogno in Alto Adige e nel mondo. L'aiuto di Caritas al 100%.

 Donare ora 
 Tutti i progetti da sostenere 
 
 



 

Diocesi Bolzano-Bressanone
 
A A A

Contatto
Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone
Via Cassa di Risparmio, 1
I-39100 Bolzano - Alto Adige - Italia
Tel. 0471 304 300
Fax 0471 973 428
www.caritas.bz.it

 
Fondo sociale europeo Facebook Twitter Google Plus