Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Sostegno alle persone sieropositive e malate d'Aids

 
Un nuovo inizio dopo la disperazione
Michela¹ ha 40 anni, una figlia ormai grande e indipendente e un bimbo di 5 anni, avuto dal compagno sieropositivo, ormai deceduto. Nonostante il suo passato - fatto di disperazione e 'abuso di sostanze stupefacenti - da più di 10 anni, Michela si è costruita una nuova vita con grande fatica e con grande dignità, a dispetto dell'Hiv che ha contratto nel suo periodo di smarrimento. E' riuscita a ricominciare, accettando i lavori più umili, nonostante in passato avesse prestato servizio in prestigiose boutique, riscoprendo il valore e il senso delle cose semplici e preziose: una casa , una “vita normale”, il miracolo di un bimbo sano che cresce forte .

¹ Per proteggere la privacy della persona descritta, il nome utilizzato è fittizio.

La solitudine pesa
Michela è sola: lavora e quando torna a casa deve accudire il suo bimbo. La figlia è lontana, così come i vecchi genitori. Paga un affitto molto alto e con lo stipendio che percepisce fatica a riempire il carrello della spesa. E' grata alla nostra Provincia per il sostegno, anche se parziale, che riesce a ottenere (non paga la baby-sitter quando è al lavoro) . La solitudine, tuttavia, a volte le pesa e le fa pensare che non ce la farà.

Non arrendersi al dolore
Con grande dignità e grazia, ogni giorno, Michela affronta la vita a testa alta. Segue le cure e con grande dignità cerca di non dare peso agli effetti collaterali che provocano, fiduciosa che se lei sta bene, la malattia non avrà la meglio. Se si pensa a Michela, alla sua forza e fragilità insieme, non si può fare a meno di esserle grata per il suo modo di celebrare la vita e di non arrendersi al pregiudizio e al dolore che l'accompagnano.

Come contribuire con donazioni:  con una donazione alla Caritas, aiuti le persone singole ed intere famiglie a vivere un'esistenza più dignitosa.

Indichi come causale del versamento:
sostegno alle persone sieropositive e malate d'Aids

I versamenti si possono effettuare nei seguenti istituti bancari:
  • Intesa Sanpaolo: IBAN: IT18B0306911619000006000065
  • Cassa di Risparmio di Bolzano IBAN: IT17X604511601000000110801
  • Cassa Centrale Raiffeisen IBAN: IT42F0349311600000300200018
  • Banca Popolare dell’Alto Adige IBAN: IT12R0585611601050571000032
Ulteriori informazioni: Servizio Iris, via Cassa di Risparmio, 1 I-39100 Bolzano, tel. +39 0471 304 306 Fax +39 0471 973 428, E-mail: iris@caritas.bz.it

Vorrei sostenere questo progetto

per sostenere persone in stato di bisogno in Alto Adige e nel mondo. L'aiuto di Caritas al 100%.

 Donare ora 
 Tutti i progetti da sostenere 
 
 



 

Diocesi Bolzano-Bressanone
 
A A A

Contatto
Caritas Diocesi Bolzano-Bressanone
Via Cassa di Risparmio, 1
I-39100 Bolzano - Alto Adige - Italia
Tel. 0471 304 300
Fax 0471 973 428
www.caritas.bz.it

 
Fondo sociale europeo Facebook Twitter Google Plus